TwitterFacebookYouTubeIssuuNewsletter
Download
Le Norme Particolari della Biblioteca (PDF, 23 Kb.)  Per consultare le Norme Particolari della Biblioteca

 

Norme generali della Biblioteca

Norme Particolari della Biblioteca

(complemento dell'art. 3, §2 delle Norme Generali della Biblioteca)

In Biblioteca si deve tenere un atteggiamento, nel portamento e nell'abbigliamento, consono al decoro dell'Istituzione; avere cura che i documenti e le suppellettili in nessun modo vengano danneggiati o il patrimonio della biblioteca impoverito; fare attenzione a non disturbare lo studio e la concentrazione degli altri o in qualsiasi modo intralciare l'uso dei documenti della Biblioteca o il lavoro del personale della Biblioteca.

Per questo è rigorosamente vietato:

  • portare fuori della Biblioteca libri, riviste e ogni tipo di materiale che ad essa appartiene;
  • parlare e studiare ad alta voce;
  • arrecare disturbo in qualsiasi modo agli altri utenti;
  • utilizzare apparecchiature rumorose (walk-man, radio, telefoni cellulari);
  • fumare;
  • introdurre apparecchi fotografici di qualsiasi tipo, cineprese, registratori, scanner digitali o altre e simili attrezzature che permettono di riprodurre materiale della Biblioteca;
  • riprodurre con mezzi propri (apparecchiature fotografiche e altri tipi di apparecchiature) i documenti (libri, riviste, tesi) della Biblioteca;
  • portare e usare in Biblioteca forbici, coltelli, lamette, rasoi, fiammiferi, carta adesiva, nastro adesivo, colla, bottigliette d'inchiostro, correttori liquidi e in genere qualsiasi tipo di liquido, oggetto o sostanza che potrebbe danneggiare le collezioni della Biblioteca;
  • asportare pagine di libri e/o riviste, far segni o scrivere, anche a matita, su libri e documenti della Biblioteca;
  • danneggiare in qualsiasi altro modo il patrimonio della Biblioteca;
  • introdurre e consumare cibi e bevande;
  • trattenere con il Maneat riviste e opere disponibili nelle Sale di lettura e nella Saletta "Corsi dei Professori";
  • occultare libri e riviste dei magazzini e delle Sale di lettura;
  • trattenere oltre il necessario i dizionari e le opere di larga consultazione accessibili nelle Sale di Lettura o nella Sala "Corsi dei Professori";
  • ricollocare in modo disordinato e/o nei posti sbagliati libri e riviste presi dagli scaffali delle Sale di Lettura;
  • servirsi in maniera impropria degli arredi, delle attrezzature e degli ambienti (sedere sui tavoli, per le scale, sui bordi delle finestre) e impedire la piena agibilità da parte degli altri utenti dello spazio messo a disposizione;
  • utilizzare le postazioni informatizzate per fini diversi dalla consultazione bibliografica di cataloghi, banche dati, periodici elettronici; in modo utilizzare attraverso queste postazioni la posta elettronica per comunicazioni private non legate a necessità di studio e ricerca;
  • navigare in Internet con scopi diversi dalla consultazione di strumenti bibliografici;
  • manomettere, a qualsiasi titolo, l'assetto del software e le apparecchiature hardware messe a disposizione;
  • utilizzare locali, macchinari e risorse di vario genere della Biblioteca al di fuori dei fini istituzionali che quest'ultima si prefigge;
  • alterare la segnaletica affissa nei locali della Biblioteca;
  • mutare la disposizione e l'ubicazione dei tavoli e delle attrezzature;
  • introdursi nei locali dei magazzini;
  • introdursi senza autorizzazione nei locali in cui hanno sede gli uffici del Personale della Biblioteca;
  • utilizzare apparecchiature e materiale di cui si serve il Personale della Biblioteca per l'espletamento delle sue funzioni;
  • lasciare in custodia al Personale della Biblioteca oggetti personali o far riferimento alla Biblioteca per ricevere posta, messaggi, telefonate o altro;

Tenuto conto di quanto previsto dalle norme di etica universitaria all'Art. 1, §4 e all'Art. 2, §2, le sanzioni previste per chi non osserva i suddetti comportamenti sono, a seconda della gravità delle infrazioni e delle recidive:

  1. l'ammonizione verbale,
  2. l'ammonizione scritta,
  3. l'esclusione temporanea,
  4. l'esclusione definitiva dalla Biblioteca.

L'Autorità competente per l'applicazione delle sanzioni di cui ai punti a), b) e c) è il Bibliotecario, per la sanzione di cui al punto d) è il Vice Rettore Universitario.

Il Personale della Biblioteca è a disposizione degli utenti per la segnalazione di eventuali disagi e proposte di miglioramento dei servizi; proposte e reclami possono essere inoltrati per iscritto ai responsabili dei Servizi e delle strutture, che sono tenuti a fornire sollecita risposta.