TwitterFacebookYouTubeIssuuNewsletter
Pontificia Università Gregoriana

 

La Gregoriana
Notizie storiche
Indicazioni pratiche

Le sedi della Pontificia Università Gregoriana

Cenni storici
Il prospetto principale del Palazzo del Collegio Romano (G. Vasi 1759, n. 162), prima sede della Pontificia Università Gregoriana, eretto sotto il pontificato di papa Gregorio XIII (1582-1584)

Nel 1551 Sant'Ignazio di Loyola, fondatore della Compagnia di Gesù, fondò in un palazzo romano (ora scomparso) situato alle falde del Campidoglio, nella "Via Capitolina" (oggi Piazza d'Aracoeli) la prima scuola dei padri gesuiti con annessa la prima biblioteca e fu chiamata Collegio Romano.

La riuscita fu ottima, tanto che a seguito del continuo aumento del numero degli studenti si dovette procedere ad un cambio di sede.

Nel 1584, infatti Papa Gregorio XIII inaugurò la nuova sede del Collegio Romano in un palazzo sito in Roma nell'omonima piazza tutt'ora esistente, e da tale papa che fu detto "Fondatore e Protettore" prese il nome di "Gregoriana".

Nel 1773, in seguito alla soppressione della Compagnia di Gesù, il Collegio fu affidato alla custodia del clero secolare romano, per essere riconsegnato poi alla rifondata Compagnia il 17 maggio 1824 dal Papa Leone XII.

Nel 1873 il Collegio Romano subì un'altro trasferimento, questa volta la nuova sede fu individuata in Palazzo Borromeo, sempre a Roma in via del Seminario, oggi sede del Collegio Bellarmino, e fu in questo anno che il Papa Pio IX con Rescritto del 4 dicembre 1873, permise al Collegio di assumere il titolo di "Università Gregoriana"; inoltre conferì al Rettore del Collegio il diritto di sottoscriversi "Rettore della Pontificia Università Gregoriana".

La nuova sede dell'Università

La nuova sede della Pontificia Università Gregoriana: il bozzetto della facciata

Ma l'Università continuò a crescere e con essa le esigenze di spazio, perciò fin dall'anno 1919 il Sommo Pontefice Benedetto XV acquistò nella piazza della Pilotta del terreno per l'erigenda nuova Università e Pio XI, poi, ripetutamente espresse il desiderio, anzi la ferma volontà, che non più oltre si differisse la costruzione.

La posa della prima pietra

La posa della prima pietra col consueto rito fu celebrata da Sua Eminenza il Card. Bisleti il 27 dicembre 1924, giorno sacro a S. Giovanni Evangelista, apostolo prediletto del Cuore SS.mo di Gesù: a questo Cuore divino veniva affidata in modo tutto speciale la nobile ed ardua impresa.

Ottima la situazione in una delle piazze più suggestivamente tranquille e più caratteristicamente papali del centro di Roma, alle pendici del Quirinale, prospiciente la monumentale Villa Colonna.

La facciata si richiama al carattere della fine del sec. XVI, e al vecchio Collegio Romano. L'avancorpo centrale, tutto in travertino, ha due finestroni sfalsati in corrispondenza degli scaloni, e termina in alto con due attici portanti gli stemmi di Gregorio XIII e Leone XII, rispettivamente fondatore e ripristinatore del secolare Istituto.

La facciata dell'Università Gregoriana

La loggia al primo piano, tipo papale, è decorata dallo stemma di Pio XI. Le ali sono di travertino fino al primo piano, e nel resto di cortina a mattoni romani con le cornici di travertino nella parte superiore. L'edificio basso di raccordo col Belvedere della Villa Colonna è tutto di travertino.

Nell'interno viene evitata qualsiasi distrazione ornamentale, pur dando con le proporzioni, con la luce rifratta e tranquilla che piove dagli ampi finestroni, e con il colore, un senso di respiro, di serenità e di benessere per cui gli alunni non risentano alcun senso di oppressione e di fatica, ma vengano disposti e quasi attratti alla concentrazione di studi tanto severi.

Tutti i lavori di costruzione, complessi e di grande responsabilità, furono certo facilitati alla direzione dalla illuminata cooperazione e da una ininterrotta cordiale intesa nella compilazione dei piani e dei particolari con i singoli Padri Gesuiti designati dal Rev.mo Padre Generale, che personalmente si rendevano conto durante l'esecuzione di ogni dettaglio, affinché l'opera riuscisse corrispondente nel modo migliore allo scopo cui il Santo Padre la volle destinata.

Bibliografia

Aa. Vv., L'inaugurazione della nuova sede della Pontificia Università Gregoriana, Pontificia Università Gregoriana, Roma 1930.

Aa. Vv., Omnium Nationum Seminarium. Dal Collegio Romano alla Pontificia Università Gregoriana 1551-2001, Pontificia Università Gregoriana, Roma 2001.