MO2150  MISSIONE CRISTIANA E UNITÀ DELLE CHIESE. LA TEOLOGIA ECUMENICA DELL'ORIENTE CRISTIANO

  • Accademic Unit
    Faculty of Missiology
  • Course
    Licentiate in Missiology , Licenza Ad Gentes, Licenza in Nuova Evangelizzazione

Scopo: Mostrare come la riflessione teologico pastorale sull’esperienza missionaria, e la stessa missione in un contesto ecumenico con le Chiese d’oriente, può essere rivitalizzata se è incoraggiata a tutti i livelli della collaborazione nella diaconia, nella cultura e nella teologia. Contenuto: L’importanza della missione delle chiese e dell’unità spirituale ed ecclesiale fra le chiese d’oriente calcedonesi e pre-calcedonesi e la Chiesa cattolica, nel pensiero e nelle dichiarazioni delle Chiese orientali, è evidente. Ma nella visione delle relazioni fra la Chiesa cattolica e ortodossa sarà utile inserire, da parte cattolica, esempi già esistenti di collaborazione fra Chiesa cattolica e Chiese orientali che a volte superano per economia le posizioni particolari provvisorie dovute alla storia. I santi comuni, le sfide della collaborazione come il dialogo interreligioso, interculturale, l’aiuto al Medio Oriente e Mediterraneo, ai paesi più poveri, a calamità naturali o conseguenze di guerre, all’ecologia... La possibile collaborazione fra le Chiese, oltre al dialogo teologico e al dialogo della carità, all’ecumenismo spirituale, può arricchire un più ampio paradigma di ecumenismo o di visione ecclesiologica a cerchi concentrici di LG, lasciando alla creatività della carità e misericordia ecclesiali uno spazio comune? Le modalità della missione sono anche la possibilità dell’incontro, del dialogo e dell’incontro. Una sorta di riproposizione in questo momento storico, delle conseguenze ecclesiali dell’incontro missionario di Edimburgo del 1910, da cui è nato il WCC, piattaforma di incontro e collaborazione, pur con i suoi limiti. La relazione fra natura missionaria della Chiesa ed ecumenismo via senza ritorno attende di essere illuminata dalla prassi e dalla teologia anche oggi. È possibile sviluppare una creazione comune fra le persone di diverse Chiese con responsabilità condivisa. Meglio cominciare con progetti proposti da loro e l’incontro è dono di Dio, nella creazione comune, nella libertà e rispetto di tutti e di ciascuno, con attenzione alla cultura e culture dell’altro. È possibile riscoprire apparentemente sepolta sotto le ceneri, l’eco dell’Unità come Nota della Chiesa, già donata alla Chiesa come unità spirituale ed ecclesiale che precede e fonda le diversità religiose e culturali, le divisioni, le incomprensioni. Metodo: Lezioni frontali, appunti, letture consigliate. Valutazione: In base alla partecipazione attiva, durante le lezioni e naturalmente all’approfondimento critico-creativo che lo studente fa della materia.

Information

  • Semestre: 2° Semestre
  • ECTS: 3

Teachers

Germano MARANI
Germano MARANI

Lesson schedule/Room

Lessons schedule not available

Bibliography

  • J.C. LARCHET, L’Eglise Corps du Christ. Les relations entre les Eglises, Cerf, 2012; P. DESEILLE, Point de vue orthodoxe sur l’unitè des chrètiens, Saint Laurent en Royans, (senza data); PAPA FRANCESCO, PATRIARCA KIRILL, Documento congiunto di Cuba, 12 febbraio 2016.

Lecture notes

This course does not have handouts