Certificato di pre-iscrizione

I futuri studenti - che non appartengono alla Comunità Europea - possono richiedere alla Segreteria Generale un certificato di "pre-iscrizione" che consente loro di richiedere nei Consolati Italiani dei loro Paesi di provenienza, il “Visto d’ingresso e di permanenza in Italia per motivi di studio”. In Italia non è consentito cambiare il visto di turista in visto di studente.

Il certificato di “pre-iscrizione” dovrà essere autenticato dalla Congregazione per l’Educazione Cattolica e vidimato dalla Segreteria di Stato. Per ottenere il certificato di “pre-iscrizione”, occorre presentare al Decano della Facoltà a cui ci si intende iscrivere i seguenti documenti:

Per i candidati religiosi e diocesani:

Per i candidati laici:

  • Titoli di studio e voti ottenuti durante gli studi svolti in precedenza in fotocopia (all’atto dell’iscrizione si dovrà consegnare l’originale dei titoli di studio previi alla Segreteria Generale).
  • Lettera di presentazione del Superiore Religioso o dell’Ordinario del luogo.
  • La dichiarazione di responsabilità o “presa in carico” dell’Istituto o del privato che garantisce il pagamento di vitto, alloggio ed eventuali spese sanitarie durante il periodo di permanenza in Italia, oppure la certificazione della borsa di studio ottenuta comprendente le spese di vitto e alloggio o un documento attestante la possibilità di mantenersi personalmente per le spese di studio e di soggiorno.
  • Fotocopia di un documento d’identità.
  • Indicazione del domicilio a Roma durante gli studi. Gli studenti appartenenti al clero secolare (seminaristi o sacerdoti) debbono dimoare nei Collegi o Istituti di Roma loro destinati, il cui elenco appare nell’Annuario Pontificio. Tutti quelli che non abitano nei suddetti Collegi o Istituti devono presentare la certificazione del riconoscimento delle facoltà ministeriali rilasciata dal Vicariato di Roma.
    • Titoli di studio e voti ottenuti durante gli studi svolti in precedenza in fotocopia (all’atto dell’iscrizione si dovrà consegnare l’originale dei titoli di studio previ alla Segreteria Generale).
    • Lettera di presentazione dell’Ordinario della Diocesi di provenienza dello studente (non è sufficiente la semplice presentazione di un ecclesiastico).
    • La dichiarazione di responsabilità (cosiddetta “presa in carico”) dell’Ente o del privato che garantisce il pagamento di vitto, alloggio ed eventuali spese mediche durante il periodo di permanenza in Italia. Su questa dichiarazione vi dovrà essere il nulla osta dell’Ordinario della Diocesi italiana di appartenenza del privato o dell’Ente che la rilascia. In caso di dichiarazione di auto-mantenimento da parte dello studente, in calce al documento deve essere apposto il visto del pro- prio Ordinario di origine.
    • Fotocopia di un documento d’identità.
    • Indicazione del domicilio a Roma durante gli studi.
   

Il Decano, se valutati positivamente i documenti ricevuti, chiede alla Segreteria Generale di redigere il certificato di “pre-iscrizione”. Le richieste che perverranno dopo il 15 luglio saranno evase alla riapertura delle attività amministrative nel mese di settembre. Per ulteriori informazioni o per presentare casi particolari, rivolgersi alla Segreteria Generale.