Professor’s Sheet

Course Bibliography

To consult the list of books in PDF format

There are no available Lecture Notes for this course

Sheet of the course FS2423 | 2017-2018

IL "FENOMENO": HEIDEGGER E MARION

Calls not available

Calls (0)

The forum of the course is not available

Forum (0)

Characteristics: 4.0 ECTS - First six-month period

Professor: Fr. Paul Gilbert, SJ

Academic Unit: Faculty of Philosophy

Course of "Laurea": Filosofia: Licenza

Semester        Day        Hour        From        To        Room        Floor        Building       
First Thursday 3 10.30 11.15 L102 1 Lucchesi
First Thursday 4 11.30 12.15 L102 1 Lucchesi

Description:

Il termine “fenomeno” indica un tema essenziale in fenomenologia. La storia di questo termine è stata molto ricca e travagliata. Dopo le tensioni provocate dall’opposizione platonica dell’intelligibile e del sensibile, dopo la distinzione kantiana tra il fenomeno e la parvenza, lo statuto filosofico del “fenomeno” rimane incerto. La fenomenologia husserliana ha affrontato il problema. Il seminario considererà principalmente due fenomenologi, Martin Heidegger (il § 7 di Essere e tempo) e Jean-Luc Marion (Riduzione e donazione, II, §§ 2-4 e Dato che, §§ 21-23). Obiettivi formativi: Considerare e apprezzare la storia della fenomenologia recente su un tema essenziale in filosofia generale. Metodologia: Dopo la presentazione del seminario dal docente, gli studenti avranno da presentare e commentare alcuni passi di Martin Heidegger e Jean-Luc Marion. Si chiederà all’inizio di ogni seduta (a partire della terza) un riassunto (3.000 battute) della seduta precedente. Lo studente consegnerà alla fine del seminario un elaborato di 30.000 battute.

Bibliography:

M. HEIDEGGER, Essere e tempo, Milano: Longanesi, 61976; J.-L. MARION, Riduzione e donazione. Ricerche su Husserl, Heidegger e la fenomenologia, Venezia: Marcianum, 2010; J.-L. MARION, Dato che. Saggio per una fenomenologia della donazione, Torino: SEI, 2001; C. COSTA - E. FRANZINI - P. SPINICCI, La fenomenologia, Torino: Einaudi, 2002.