500 ANNI DI STORIA

Picture

Sant’Ignazio di Loyola pose le basi della Pontificia Università Gregoriana, istituendo, nel 1551, una Scuola di grammatica, d’umanità e dottrina cristiana, gratis, denominata per molti secoli Collegio Romano. Nel 1552 Giulio III concesse al Preposito Generale, o, per licenza da questi data, a chiunque dei futuri Prepositi o Rettori dei Collegi, la facoltà e la licenza di conferire gradi accademici agli studenti gesuiti del Collegio Romano

1551
 
Picture

Paolo IV nel 1556, primo anno del suo pontificato rinnovò oralmente la medesima facoltà e licenza per tutti gli studenti, senza lasciare alcun documento scritto a riguardo a causa della sua morte. Il suo successore, Pio V, affinché non sussistesse alcun dubbio sulla concessione già elargita, nello stesso anno 1566 decretò che le facoltà concesse acquistassero pieno vigore e fossero redatte per scritto estendendone la validità alla data della concessione del suo predecessore

1556
Picture

Ma il “fondatore e protettore” dell’Università Gregoriana è considerato Gregorio XIII, che eresse dalle fondamenta una nuova sede del Collegio Romano, solennemente inaugurata nel 1584 e la accrebbe di benefici e privilegi, estendendoli a qualunque collegio di studi della Compagnia di Gesù, nei quali venivano coltivati gli studi di filosofia e teologia

1584
Picture

Gli stessi privilegi, nel 1607, furono nuovamente confermati e sanciti da Paolo V

1607
Picture

Per tre secoli i professori della Compagnia di Gesù condussero il Collegio Romano con grandi meriti e ampi riconoscimenti. Nel 1773, con la soppressione della Compagnia di Gesù ad opera di Clemente XIV, la Sede Apostolica decise di affidare in gestione al clero diocesano il Collegio Romano. Restaurata la Compagnia di Gesù nel 1814 da Pio VII, il Collegio Romano non fu restituito alla Compagnia di Gesù se non nell’anno 1824, tempo in cui Leone XII lo affidò alla Compagnia di Gesù e rinnovò generosamente il conferimento di tutti i diritti e i privilegi che prima della soppressione erano stati concessi al Collegio

1773-1824
Picture

Nel 1870 le scuole di lettere e nel 1873 anche le scuole di filosofia e di teologia furono espulse dalla autorità civili dalle sedi del Collegio Romano, ma il Collegio proseguì ad esercitare le sue attività nelle sedi del Palazzo Borromeo (oggi Collegio di San Roberto Bellarmino.

1870
Picture

Pio IX, che pubblicamente con parole amare si era lamentato della requisizione benignamente nello stesso anno 1873 dispose che il nostro ateneo, invece che Collegio Romano, assumesse ufficialmente la denominazione di Pontificia Università Gregoriana

1873
Picture

Nell’ultimo secolo, sia per il numero degli studenti che per la varietà crescente delle scuole, degli istituti e delle facoltà, la Pontificia Università Gregoriana richiedeva una sede più ampia e più degna, che, per volontà di Pio XI fu eretta presso il Colle del Quirinale in Piazza della Pilotta, fu inaugurata il 6 novembre del 1930 in modo solenne e le fu riconosciuto espressamente uno statuto particolare nei Patti Lateranensi

1930
Picture

In seguito lo stesso Pio XI "… ut vera, perfecta plenaeque ad temporum necessitates accommodata studiorum omnium ecclesiasticorum Universitas evadat" dispose e decretò che il Pontificio Istituto Biblico e il Pontificio Istituto Orientale fossero consociati alla nostra Università, in modo da costituire una sola Università Pontificia degli studi ecclesiastici, disponendo tuttavia che entrambi gli Istituti, il Biblico e l’Orientale, fossero autonomi dal punto di vista giuridico

----
Picture

Dal 1993, però, per volontà di Giovanni Paolo II, il Gran Cancelliere del Pontificio Istituto Orientale è il Prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali

1993
Picture

Ai nostri giorni Benedetto XVI, nel discorso tenuto nella sede dell’Università il 3 novembre 2006 di nuovo ha confermato l’affidamento dell’Università Gregoriana alla Compagnia di Gesù da parte della Sede Apostolica e il posto primario che essa deve avere nelle priorità della Compagnia di Gesù, come istituzione di grande importanza per la Chiesa universale e le Chiese particolari

2006