La Biblioteca contribuisce alla missione educativa dell’Istituzione a cui appartiene ed è pertanto specializzata nei settori disciplinari per i quali l’Università offre formazione e sui quali svolge attività di studio e di ricerca.

Ancora oggi, proseguendo la sua tradizione centenaria ribadita dai Sommi Pontefici, la Gregoriana è al servizio delle Chiese di ogni parte del mondo e si mantiene fedele all’intuizione provvidenziale di sant’Ignazio di Loyola che la concepì come “Universitas omnium Nationum”.

Dopo oltre quattro secoli dalla fondazione del Collegio Romano restano immutati, seppure al passo con i tempi, gli scopi di un sistema educativo frutto di lunga esperienza e tradizione, caratterizzato da un’alta qualità accademica, orizzonti universali, uno stretto legame con il mondo moderno, volto alla crescita spirituale, all’eccellenza negli studi e alla formazione integrale della persona. La Biblioteca si dedica, dunque, alla promozione e alla realizzazione di ogni attività finalizzata a facilitare l’accessibilità al sapere.

La missione della Pontificia Università Gregoriana è espressa nel Titolo Secondo degli Statuta generalia Pontificiae Universitatis Gregorianae, approvati dalla Congregazione per l’educazione cattolica il 17 gennaio 2008:

Fine della Pontificia Università Gregoriana

ART. 8 – Fine proprio

§ 1. L’Università Gregoriana, fedele sia al mandato della Sede Apostolica, che alle proprie tradizioni secolari e ai principi stessi della Compagnia di Gesù riguardo l’apostolato intellettuale, intende servire la Chiesa Universale tramite un’opera di formazione intellettuale di coloro che in futuro, secondo la propria vocazione e la propria missione, saranno chiamati ad annunciare il Vangelo con la parola e la vita, assumendo incarichi a servizio della Chiesa come anche della società.

§ 2. Tutte le iniziative e le attività dell’Università Gregoriana intendono promuovere i valori indicati dalla Chiesa alla luce della rivelazione, della fede e della comprensione più profonda del patrimonio della sapienza cristiana. Tali valori sono:

  • 1. la dignità della persona umana e del creato;
  • 2. la dimensione sociale della fede, fonte di carità, pace, verità e giustizia;
  • 3. il dialogo con il mondo della cultura e della scienza;
  • 4. l’ecumenismo e il dialogo con le altre religioni.

ART. 10 – Interdisciplinarietà

Affinché ci sia una sempre più accurata ricerca in ogni area disciplinare e una risposta sempre più efficace alle nuove sfide e ai nuovi stimoli della cultura moderna, è necessario favorire l’interdisciplinarietà e le relazioni tra i docenti e gli studiosi di altre discipline, non solo all’interno dell’Università Gregoriana, ma di ogni altra Università.

ART. 11 – Formazione intellettuale

§ 1. Secondo la propria tradizione, l’Università Gregoriana, nell’esercizio della propria opera di formazione intellettuale, è fedele ai principi della pedagogia ignaziana, che mira alla formazione integrale della persona libera e responsabile. Per questo motivo privilegia lo studio sistematico della materia, l’assimilazione della dottrina piuttosto che la molteplicità delle conoscenze, la relazione personale tra docenti e studenti e la mutua connessione tra esperienza e conoscenza.

§ 2. Nella consapevolezza che “la divisione tra fede e cultura è un ostacolo non lieve all’evangelizzazione”, l’Università Gregoriana ha cura che gli studenti, nel corso degli studi, acquisiscano una sintesi armonica tra fede, ragione e cultura.

§ 3. I rapidi cambiamenti culturali e tecnologici, il progresso delle scienze e delle discipline sacre e i nuovi documenti emanati dal Magistero, esigono che gli studenti siano consapevoli della necessità di una formazione continua e permanente. L’Università Gregoriana offre loro gli strumenti adatti a perseguire questo fine.

[…]

ART. 78 – Biblioteca

§ 1. Il Patrimonio librario dell’Università deve essere conservato con la massima cura e deve essere costantemente arricchito secondo le esigenze accademiche, in modo tale che la Biblioteca sia sempre fornita di libri, periodici e degli odierni mezzi informatici, che offrano i sussidi necessari tanto all’insegnamento, quanto all’apprendimento e alla ricerca.